mercoledì 3 novembre 2010

Non mi sono piaciuti

Le ultime due letture sono state piuttosto deludenti. Il sorriso di Angelica racconta un Montalbano che invecchia e inizia a perdere qualche colpo. Il popolare commissario è però sempre arguto, e il tutto è condito dai soliti alti e bassi con la sua fidanzata storica Livia, dai suoi collaboratori Fazio e Catarella (Mimì Augello è fuori gioco in questa nuova puntata). C'è poi una storia con una giovane donna. Tutti ingredienti classici, ma il romanzo di Andrea Camilleri non ha il brio di altri racconti.
Non avevo mai letto niente di Isabella Bossi Fedrigotti. Non mi è piaciuto Se la casa è vuota. Scontato e intriso di perbenismo. L'autrice racconta diverse storie di disagi familiari, ma soprattutto di disagio di bambini e ragazzi. Ho trovato molta superficialità e stereotipi. Il tema è delicato e ben venga sollevare alcuni coperchi, ma questo libro non aggiunge nulla di interessante.

1 commento:

ALCHEMILLA ha detto...

Vengo da Anobii.
Ho appena finito di leggere "Se la casa è vuota" e diversamente da te, l'ho apprezzato per il coraggio.
Perché non è molto frequente oggi dire che la separazione dei genitori, la loro attenzione alla carriera, non è poi così sana come vogliono farci credere. Inoltre lo fa con leggerezza, senza prediche e apparente giudizio: fotografando.

A me ha fatto molto riflettere...e ci ripenserò ancora molto nei prossimi giorni anche guardando le mie figlie e soprattutto me stessa.

Mi piacerebbe capire meglio il tuo pensiero.
A presto!